Home Progetto Campi Eventi Artigianato
Home
Progetto
Campi
Eventi
Artigianato
Link
 


Associazione Baobab
via Pirandello, 30 Camaro Inferiore S. Luigi
98149 Messina

mobile: +39 340 3107358
            +39 329 0499283
            +39 338 4015498

codice fiscale: 97108560836

Banca Prossima
IBAN: IT 08 R 03359 67684 510700154363


 

2016




2015

Sabato 28 Novembre 2015 giornata di condivisione a Forte S. Jachiddu, riflettendo su
Laudato sii:
possedere il segreto della gioia

  Alle ore 10.00 inizieranno gli interventi e, a seguire, sarà presentato il Calendario Baobab 2016.
Alle 13.00 pranzo comunitario condiviso.
Siete tutti invitati a partecipare.



  


Cena solidale


Ritornano le cene solidali, organizzate dall'Associazione Baobab, a sostegno dei seguenti progetti:

  • Angel's House (Asmara, Eritrea): una casa dove risiedono bambini sieropositivi e/o malati di Aids;
  • Scuola Elementare di Tessenei (Gash Barka, Eritrea): completare l'acquisto di 50 nuovi banchi per la Scuola che ospita 600 bambini, con una spesa di € 4000,00.

L'Associazione sosterrà, infine, altri progetti che riterrà urgenti ed indispensabili adottare per la promozione della donna, la scolarizzazione dei bambini e lo sviluppo di piccole iniziative imprenditoriali.

Seguiranno altre iniziative organizzate sia a Messina che in provincia (Barcellona P.G. e Spadafora).


Dolci delizie



Calendario


Il Calendario 2015 è disponibile in formato da parete (30 x 30 cm) con un’offerta di € 3.00, spese di spedizione escluse, e potrà essere richiesto attraverso le seguenti modalità:

  • dietro appuntamento, presso la sede dell’Associazione Baobab: Via Pirandello 30, Camaro Inferiore San Luigi – 98149 Messina;
  • telefonando al numero 340 5365253;
  • scrivendo a referente@progettobaobab.org

Con l'acquisto del Calendario contribuirai anche tu a sostenere i progetti in Eritrea.


2014

10 anni di Baobab

Progetto Baobab ha raggiunto i suoi 10 anni.

Desideriamo condividere questo momento di festa con quanti, in questi anni, in diversi modi, sono stati coinvolti e vicini.

Ti aspettiamo nella nostra Sede (Via Pirandello, Camaro inferiore S. Luigi Messina) Domenica 30 novembre 2014 alle ore 17.00.

Ti chiediamo di coinvolgere quanti sono appassionati dell’Africa e in particolare dell’Eritrea.

Grazie per il tuo sostegno.


Realizzazione del Progetto Sciacat

Si è appena conclusa la raccolta di fondi a favore del Progetto Sciacat.

L'Associazione Baobab, insieme a Walking Together e Anymore Onlus, ha reso possibile il sogno delle donne del piccolo villaggio eritreo di realizzare un laboratorio di tessitura per la produzione di abiti ed accessori.

Vogliamo ringraziare - uno per uno - tutti coloro che ci hanno sostenuto in questa bella impresa.

Il ricavato dell'intera operazione ammonta a € 4.000,00.


Calendario

Dieci anni con l’Eritrea: il Calendario 2014

Quest’anno il Calendario Baobab vuole ripercorrere i dieci anni di attività dell’Associazione, sottolineando le varie tappe del CAMMINO, della SCOPERTA e della SOLIDARIETA’.

Il Calendario Baobab 2014 intende scandire, pagina per pagina, i ritmi vissuti in dieci anni di strada percorsa con gioia, entusiasmo e tanto spirito di adattamento.

Le immagini sono, quindi, il frutto di scatti realizzati dopo aver stretto una relazione forte e sincera con la gente eritrea, nel pieno rispetto della dignità della persona.

Il Calendario è disponibile in formato da parete (30 x 21 cm) con un’offerta di € 3.00, spese di spedizione escluse, e potrà essere richiesto attraverso le seguenti modalità:

  • dietro appuntamento, presso la sede dell’Associazione Baobab: Via Pirandello 30, Camaro Inferiore San Luigi – 98149 Messina
  • telefonando al numero 340 5365253
  • scrivendo a referente@progettobaobab.org

Con l'acquisto del Calendario contribuirai anche tu a sostenere i progetti in Eritrea.


2013

Progetto Sciacat Barcellona

Il Progetto Sciacat continua il suo cammino che, dopo l'evento di Messina del 23 Novembre 2013, proseguirà la presentazione dei suoi obiettivi nella meravigliosa cornice del Castello di Spadafora.

Ci incontreremo quindi nel pomeriggio di Venerdì 20 Dicembre 2013 per ascoltare testimonianze dall'Eritrea e vedere immagini di questo splendido lembo d'Africa.

La serata sarà allietata dalla voce di Nancy Cicero e si concluderà con un gustoso rinfresco.


Progetto Sciacat all'Istitut Sant'Anna


Ad una settimana di distanza dalla serata del 23 Novembre 2013, che si è svolta al Centro multiculturale Officina, oggi il Progetto Sciacat è stato presentato presso l'Istituto S. Anna di Via XXIV° Maggio.

Hanno partecipato gli alunni della Scuola Primaria, accompagnati dai docenti, i genitori e le Suore Figlie di S. Anna.

E' stata un'occasione per mostrare il lavoro infaticabile che le consorelle svolgono in Eritrea, tra mille difficoltà e avversità di vario genere.

Le Figlie di S. Anna, presenti in Eritrea fin dal 1866, continuano a svolgere un prezioso servizio a favore degli emarginati e dei più poveri, promuovendo la scolarizzazione dei bambini e la promozione della donna.


Progetto Sciacat

  

Ognuno di noi porta con sé dei sogni: molti si realizzano, tanti altri no.

Una sera di Ottobre i sogni di 375 ragazzi si sono infranti lungo le coste della Sicilia, gettando nello sconforto tante famiglie che speravano in una vita migliore.

Il nostro piccolo/grande sogno è quello di impegnarci per una società più giusta, dove il lavoro possa creare speranza e ridare dignità ad un intero popolo.

Il Progetto Sciacat intende aiutare le donne di un piccolo villaggio eritreo a riprendersi la propria vita attraverso la costruzione di un laboratorio dove imparare l'arte della tessitura e produrre capi d'abbigliamento da vendere nei mercati della regione.

Si tratta di una piccola goccia che vuole aiutare la gente che vive in quelle zone a riscattare il proprio orgoglio, incoraggiando piccole attività imprenditoriali in loco e creando migliori aspettative di vita.

Il Progetto Sciacat intende, pertanto, aiutare un popolo a costruirsi uno sviluppo autonomo e sostenibile, nel rispetto dell'ambiente e delle tradizioni, fedele alla propria cultura, fiducioso in un futuro migliore.


Festa dei popoli


Si terrà il 3 Novembre 2013 la seconda edizione della Festa dei Popoli dal titolo Insieme per la Pace giriAMO il mondo presso l'Antica Pescheria di Barcellona Pozzo di Gotto.

Sarà un viaggio immaginario attraverso culture e popoli diversi. L'Associazione Baobab parteciperà con un proprio stand e con una mostra fotografica. Gli scatti sono stati realizzati in Eritrea dai soci dell'Associazione.


Visita a Messina dell'Eparca di Barentu

eventi_2013_08_18_P1060652 

Domenica 18 Agosto 2013, l'Eparca di Barentu (Eritrea) Mons. Thomas Osman è venuto in visita a Messina per incontrare gli amici dell'Associazione Baobab.

Ha quindi concelebrato la S. Messa presso la Parrocchia SS. Maria Annunziata di Camaro Inferiore (San Luigi) insieme a Mons. Nino Caminiti, P. Mario Albano e Don Jean Pierre Albert Kaberamanzi.

Nel pomeriggio si è soffermato con i volontari dell'Associazione per discutere sulla situazione in Eritrea e sulle iniziative da intraprendere a sostegno della popolazione del Gash Barka.


Cena solidale a Barcellona



Cena solidale a Spadafora

Carissimi, ritorniamo a voi con una Cena Solidale a Spadafora.

Si avvicina, infatti, la partenza per l'Eritrea e vogliamo quindi raccontarvi il nostro viaggio, e soprattutto la nostra gioia e tutto l'amore verso i nostri fratelli eritrei.

Vi invitiamo, pertanto a partecipare alla Cena Solidale che si terrà Giovedì 2 Maggio 2013 alle ore 21.00 presso la Pizzeria SCACCO MATTO di Spadafora.

Il locale si trova in via Nazionale, di fronte al distributore della Esso.

Oltre all'ottimo menu, stavolta saremo allietati anche da una buona musica dal vivo.

Per qualsiasi informazione e per prenotazione, contattare il seguente numero: 3935302865 (Marica).

Vi aspettiamo.

Un caro saluto dai ragazzi dell'Associazione Baobab


Donazioni per l'Eritrea

Ad un anno di distanza dall'inizio per le Celebrazioni dei 100 anni di evangelizzazione del popolo kunama (Aprile 2012), alcuni soci del Progetto Baobab partiranno per l'Eritrea nel prossimo mese di Maggio, a conclusione del Jubileo che si terrà a Barentù (regione del Gash Barka).

Sarà una grande festa a cui non vogliamo mancare e che desideriamo festeggiare con i nostri fratelli eritrei, portando loro la nostra vicinanza ed il nostro sostegno.


Calendario



2012

2012 … Progetto Baobab

 
 

Aprile 2012 Mons. Nino Caminiti parte alla volta dell’Eritrea, per partecipare alle celebrazioni per i cento anni di evangelizzazione del popolo kunama.

E’ accompagnato da Padre Andrea Cardile, anche lui “veterano” dell’Africa e della stessa Eritrea.

Asmara è solo una tappa intermedia, il tempo di incontrare alcuni amici del “Progetto”, visitare alcune strutture sostenute dal progetto stesso e richiedere i permessi per raggiungere la destinazione finale.

Non è stato facile ottenere il pass per il Gash Barka; comunque è fatta.

La jeep attraversa questo meraviglioso territorio e di tanto in tanto si incontrano mandrie di cammelli e si attraversano boschi di palme dum e di tamarindi; il bassopiano occidentale è un susseguirsi di sorprese agli occhi di chi ha la fortuna di visitarlo.

Villaggi di tukul, bambini che salutano i passanti, donne che trasportano le ghirbe piene d’acqua e uomini che arano con fatica i terreni; ma non solo questo si vede lungo la strada.

Ai bordi della pista, sono ancora ben visibili i resti dei mezzi militari che, per tanti anni, hanno dilaniato un’intera popolazione; ma sono anche visibili gli altissimi baobab e gli immensi sicomori che riescono ad riparare - sotto i loro rami – anche un intero villaggio.

Le giornate trascorse a Barentu sono state intense e ricche di stimoli e soprattutto hanno offerto sensazioni forti di gioia e serenità.

Anche qui non sono mancati gli incontri con i vecchi amici conosciuti già nel 2004, anno in cui il progetto mosse i primi passi proprio in questo territorio; e anche questa visita ha mostrato come gli interventi del progetto siano stati ben utilizzati.

Si ritorna in Italia con la forte determinazione che questo legame fra l’Italia e l’Eritrea deve rafforzarsi sempre di più.

La sensibilità e la solidarietà hanno ancora tanta strada da percorrere e noi saremo pronti ad accompagnare questo cammino fino a quando sarà necessario.

Cento anni di evangelizzazione in terra Kunama

Nel Settembre 1912 il Padre Celestino da Desio, acquistati vari attrezzi da lavoro, legname da costruzione e oggetti vari, torna di nuovo a Barentu.

Lo accompagnano fra Crispino da Collepardo, … la suora indigena Suor Giuseppina, la ragazza kunama Nicolina Condì e alcuni seminaristi di Keren.

La piccola famiglia si accampa in due tende e in due tucul … Si danno un gran da fare: abbattono alberi e cespugli, spaccano pietre, preparano il materiale e, ai primi di Ottobre, gettano le fondamenta della nostra residenza.

Così, con semplicità e sobrietà, la cronaca della stazione missionaria di Barentu segnala l’inizio di un’avventura missionaria.

Un pò di storia

La storia dell’evangelizzazione in terra kunama per opera di missionari d’oltre mare inizia nel 1866 con l’arrivo di missionari protestanti svedesi a Tendar, Oganna e Cullucù.

La missione fu abbandonata nel 1870 in seguito alla morte dei missionari per malaria ed altre vicende.

Venne ripresa nel 1897 con la riapertura della residenza di Cullucù, cui si aggiunse poi quella di Susenà.

Il primo tentativo di avviare una missione cattolica fu fatto dal P. Leon Henriot, sacerdote francese, prima diocesano e poi membro dell’Istituto missionario di San Daniele Comboni.

Giunto nel Sudan nel 1879, si rifugiò poi al Cairo in seguito all’espansione della rivolta mahdista.

Più tardi, dopo un breve soggiorno ad Assab, ritornò a Suackim.

Nel 1894, con la vittoria italiana di Sorebeti e di Agordat, si trasferì presso i kunama.

Dopo soli due mesi, trascorsi fra Elit e Betcom, fu costretto dalla malaria a ritirarsi ad Asmara, presso il confratello P. Luigi Bonomi.

Vi morì nel luglio del 1894.

Di lui restano due volumi manoscritti contenenti testi religiosi Kunama, appunti grammaticali e note per un vocabolario italo-arabo-kunama.

L'opera missionaria dei Padri Lazzaristi, invece, inizia nel 1839 e fu con la creazione (nel 1894) della Prefettura Apostolica Eritrea, affidata ai Frati Cappuccini, che P. Michele da Carbonara studiò un piano di evangelizzazione fra i kunama.

Il tentativo fallì in seguito all'impossibilità di ottenere la collaborazione dei missionari della Consolata di Torino.

Nel 1911 la Prefettura Apostolica dell'Eritrea veniva elevata a Vicariato Apostolico, affidato ai Frati Cappuccini Lombardi.

Uomo di larghe vedute e di instancabile operosità, il primo vicario apostolico, Mos. Camillo Carrara, mise la missione kunama fra le priorità del suo programma pastorale.

Nel Settembre del 1912 P. Celestino da Desio veniva inviato a Baretù per gettare le fondamenta della prima residenza missionari.


Mostra fotografica



2011



2010

Calendario



2009

 


2004



Site Map